Incontro con Sally Rogers a Messina.

Ho incontrato Sally Rogers

Il 25 ottobre scorso ho preso il volo Firenze-Catania delle 6.45 e, sbarcato all’aeroporto di Fontanafredda, ho fatto una corsa per prendere al volo il pullman per Messina. Una giornata di sole, un ultimo sprazzo d’estate come lo può regalare la Sicilia: il mare brilla aldilà del finestrino, l’autostrada supera le uscite per Acireale e Taormina – luoghi della nostra memoria collettiva, non semplici località turistiche –, un’ora di viaggio e, davanti alla stazione Centrale, ci fermiamo. Qui la Sicilia termina o ha inizio. Oltre c’è lo Stretto.

Una nave da crociera forma una muraglia fra me e il mare, devo salire su un cordolo di cemento per vedere il pilastro altissimo con in cima la Madonna della Lettera e dietro Reggio e la sua costa. Un gruppo di crocieristi francesi segue disciplinato la guida fino a piazza del Duomo dove, allo scoccare del mezzogiorno, scolaresche in gita e venditori ambulanti stanno naso all’insù a seguire le evoluzioni delle figure dell’orologio del campanile, e io con loro. Pranzo all’aperto, seduto dietro alla statua di Don Giovanni d’Austria che con la destra tiene il bastone di ammiraglio, lui, il vincitore di Lepanto. Poi, una corsa di 40’ in taxi fino a pochi chilometri da capo Peloro, dove la Sicilia si avvicina quasi a toccare la Calabria, di più non si può. Ci sono un laghetto salmastro in cui si allevano mitili e telline, un paese di nome Mortelle e un edificio a un piano tinto di giallo, con alcuni annessi e degli eucalipti in giardino. All’ingresso una targa: “Istituto Marino di Mortelle”. È la sede messinese dell’ISASI, l’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti del CNR.

ISASI, l’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti del CNR di Messina.

È qui che sono venuto a incontrare Sally Rogers, l’autrice dell’Early Start Denver Model. Nel 2015 abbiamo pubblicato l’edizione italiana del libro di Geraldine Dawson, Laura Vismara e suo sull’applicazione del metodo da parte dei genitori di bambini con autismo. È stato il nostro terzo libro, ed è ancora il più venduto.

Che Sally Rogers fosse all’ISASI di Messina per un workshop e una conferenza sull’ESDM l’avevo scoperto per caso solo una settimana prima, cercando di capire sul sito del Mind Institute della University of California, Davis (il centro dove sono definiti gli standard per l’ESDM), come funzionasse il percorso di certificazione per diventare terapista ESDM (questione spinosa, dato che il metodo è molto popolare ma è ancora difficile per un professionista italiano intraprendere il training che lo porti ad applicarlo nella sua completezza). L’idea era di capire direttamente alla fonte se ci fosse un modo per accelerare il processo di certificazione in Italia.

Sally rispose immediatamente alla mia mail: era già in Italia, a Taormina, in vacanza, e – con pragmatismo americano – andava subito al nocciolo della questione: non solo non vi erano ostacoli da parte del Mind a che si formassero più terapisti in Italia, ma anzi era assolutamente auspicabile (del resto questa era una delle ragioni della sua presenza a Messina la settimana dopo). Ma per far ciò, scriveva, era necessario un partner imprenditoriale, che si occupasse di organizzare, promuovere e gestire i corsi in Italia. Era Hogrefe interessata ad assumersi questo ruolo?

All’ISASI sono ospite di Giovanni Pioggia, ingegnere responsabile del Centro, e Liliana Ruta, neuropsichiatra infantile e ricercatrice sull’autismo. È quest’ultima che sta completando il percorso di certificazione ESDM e Sally è qui per formare al metodo giovani psicologhe e terapiste che lavorano con lei. L’ISASI di Messina applica l’ESDM e fa ricerca utilizzando la robotica nell’interazione con i soggetti con autismo: un’eccellenza che coniuga clinica e tecnologia. La chiacchierata ha luogo in una delle stanze/laboratorio dove i bambini vengono quotidianamente presi in carico per la terapia. Ma non ha l’aspetto di un ambulatorio o di un tradizionale studio terapeutico per bambini: ci sono, sì, i giocattoli e i tappetini, ma tutto è ecologicamente inserito in un ambiente domestico: la stanza non è altro che un vero e proprio soggiorno con divano, poltrone, televisione (in realtà un monitor per video e gaming psicoeducativi) e un angolo. Il bambino, mi spiegano, così si sente a proprio agio, non ha l’impatto dell’estraniazione dal mondo che gli è familiare.

Ho portato delle copie del nostro libro, non so dire se Sally avesse mai visto la traduzione italiana della sua opera, ma mostra di apprezzare il piccolo regalo. Parliamo di costi e fattibilità, ha le idee molto chiare e sa come porre la managerialità al servizio della clinica. L’ESDM è ancora poco diffuso in Italia, nonostante sia arcinoto (il successo di vendita del nostro libro e di quello di Omega lo testimonia) e nonostante ogni anno Giacomo Vivanti tenga almeno due o tre workshop introduttivi (ne avrebbe fatto uno anche con noi di lì a un mese). Workshop avanzati (massimo cinque partecipanti contro i 130 dell’introduttivo) è difficile organizzarli, perché al momento non vi sono trainer certificati ESDM che operino in Italia. E l’avanzato è il primo passo vero nel percorso per diventare terapista ESDM. Liliana Ruta, sotto la supervisione di Sally, sta facendo il corso per diventare trainer: sarà allora lei la prima formatrice italiana in grado di innescare il circolo virtuoso delle certificazioni anche in Italia? (già alcune operatrici del suo gruppo, come dicevo, si stanno formando). Ma il volano, dice Sally, lo può dare solo l’imprenditore. E chi meglio di Hogrefe, per la sua attività sui test e la formazione, per aver pubblicato il libro (e per essere io letteralmente volato a Messina)? È su questa ipotesi che da quella giornata siciliana d’ottobre io e i miei collaboratori stiamo lavorando. Consapevoli che, anche se non riusciremo, sarà valso averci tentato: il progetto è veramente troppo bello per non pensarci…

Jacopo Tarantino

Amministratore Delegato di Hogrefe Editore è appassionato di libri, viaggi e soldatini di piombo. Si occupa da oltre trent'anni di editoria.

Ti potrebbe piacere anche

Psicologisti - ACT

I nostri libri del 2020 – ACT, di Moderato, Presti e dell’Orco

Psicologisti - Smart working

Smart working

Psicologisti - Aniamal fun (Kookaburra)

Arriva Animal Fun

Psicologisti - Libri 2020

I nostri libri del 2020 ‒ Psicologia giuridica: 2a edizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *