Psicologisti - I colori delle emozioni

I colori delle emozioni

Da mamma e da psicologa oggi segnalo, per chi ancora non lo conoscesse, il libro I colori delle emozioni di Anna Llenas (Gribaudo).
Al di là del fatto che è oggettivamente un’opera editoriale bella da tenere in mano, la scelta di questo suggerimento poggia sul suo contenuto e sul modo in cui questo viene presentato.

Attraverso disegni stilizzati molto accattivanti e il riferimento ai colori primari si presenta il mostro dei colori, che ha combinato un pasticcio: ha mescolato tutti i colori! Ora è confuso perché le emozioni sono tutte mescolate insieme e così non funzionano! Con l’aiuto di una bambina, unico personaggio in grigio del libro, riuscirà a rimettere ogni cosa al suo posto, a distinguere le emozioni una dall’altra e a riconoscere il colore di ognuna.


Questa è una chiave di lettura preziosa per i piccoli. Il libro è pensato per la fascia 0-3 anni, ma credo che la metafora possa essere utilizzata con successo con i più grandi.
Il punto fondamentale è dare un nome, un’etichetta, un colore agli stati emotivi, per mettere ordine, uscire dalla confusione e cominciare a sentirsi meglio. L’allegria è gialla, la tristezza azzurra, la rabbia rossa, la calma verde e la paura nera. Questa è una prima mappa per cominciare a navigare tra gli stati emotivi.

Il riconoscimento emotivo è la chiave per la conseguente gestione delle emozioni e del comportamento. I più piccoli sono aiutati dai genitori, che mediano questi contenuti e offrono etichette. A volte però non è facile nemmeno per gli adulti parlare di contenuti emotivi, e allora fare riferimento ad un colore crea un linguaggio emotivo condiviso tra adulto e bambino, a cui entrambi possono ricorrere per comunicare in modo chiaro, evitando fraintendimenti e confusione. “Di che colore ti senti in questo momento?” è un modo rapido ed efficace di identificare uno stato emotivo e crea un terreno comune per poi costruire insieme qualcosa: “Che cosa puoi fare quando ti senti rosso?”, “Che cosa ti fa stare meglio quando ti senti azzurro?”.

È un libro bellissimo da leggere e da regalare. Tra tutte le versioni in cui è stato pubblicato, sicuramente quella pop-up è il formato del libro in cui lo stile grafico delle illustrazioni trova la sua espressione migliore.
Per i genitori, per i nonni, ma anche per i professionisti, può rappresentare un’utile cassetta degli attrezzi che permette di affrontare in modo semplice contenuti che potrebbero essere difficili da discutere, non solo per i più piccoli.

Sara Zaccaria

Sara Zaccaria

Psicologa e psicoterapeuta, ha coniugato la passione per i libri e quella per la psicologia occupandosi dello sviluppo editoriale per Hogrefe Editore e svolgendo attività libero professionale con bambini e adulti.

Ti potrebbe piacere anche

Psicologisti - WobyMask gruppo

WobyMask: un’esperienza di solidarietà e supporto

Psicologisti - La storia dell’ostrica e della farfalla

La storia dell’ostrica e della farfalla: il coronavirus e io

Psicologisti - Passatempi psicometrici

Passatempi psicometrici

Psicologisti - Psicopanettone

Psicopanettone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *